Intesa, Messina: "Nel 2024 redditività in crescita. Col taglio dei tassi effetto Fly-to-quality" - V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Primo piano/Banche
BanchePrimo piano Gio 30 novembre 2023

Intesa, Messina: "Nel 2024 redditività in crescita. Col taglio dei tassi effetto Fly-to-quality"

Il banchiere dopo l'accertamento dell'Antitrust: su Isybank riteniamo di aver operato in conformità con le leggi Intesa, Messina: "Nel 2024 redditività in crescita. Col taglio dei tassi effetto Fly-to-quality"
Redazione Verità&Affari
di 
Redazione Verità&Affari

Dal caso Isybank alle prospettive sui tassi e sulla redditività della Banca. Carlo Messina, Amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, conversando con la stampa, ha toccato i temi più caldi del momento, incluso il rinnovo del contratto.

“Il nostro obiettivo è sviluppare la tecnologia e fare in modo che anche questo Paese possa avere un beneficio dall’innovazione. Nel caso specifico, abbiamo creato un’innovazione unica in Europa, perché Isybank e in particolare la tecnologia proprietaria Isy Tech, è considerata già oggi un benchmark europeo“, ha affermato Messina parlando della banca online del Gruppo.

“Io credo che tutte le autorità vadano rispettate. Noi riteniamo di aver operato in conformità con le leggi di questo Paese- ha aggiunto in merito all’accertamento dell’Antitrust sul caso Isybank – e di aver ricevuto le autorizzazioni da parte della Banca d’Italia e della BCE, ma è anche vero che, se un numero limitato di clienti – parliamo di 2.000 clienti – non ha giudicato le nostre procedure come le migliori da poter usare, faremo in modo che questo possa accadere”.

Arrivati al picco dei tassi

A proposito delle future decisioni di politica monetaria della Bce, l’Ad di Intesa ha detto che è “ragionevole immaginare che siamo arrivati al picco dei tassi interesse” ed ha definito “probabile” l’ipotesi che “ci sia un taglio nella seconda parte del 2024” seppur “non significativo” come dimensione. Messina si è detto anche convinto che “nel momento in cui i tassi cominceranno a scendere tornerà una sorta di fly to quality” e ciò spingerà gli investitori verso quelle banche che hanno una maggior capacità di gestire i risparmi, che hanno l’asset management e la banca assicurazione” e che generano maggiori commissioni.

Utile ancora in crescita

“Torneremo ad essere sicuramente un punto di riferimento per qualità e la sostenibilità dei nostri risultati”, ha affermato il manager, aggiungendo “ci aspettiamo che nel 2024 la reddittività sarà superiore a quella del 2023” ed “un utile ancora in crescita grazie al recupero delle commissioni che si avrà nel corso del 2024″.

Credo che alla fine si sia fatto un buon contratto per le persone che lavorano in banca e che i sindacati abbiano dimostrato di avere una visione lungimirante“, ha affermato l’Ad a proposito del rinnovo del contratto. “Io dal canto mio – ha aggiunto – credo di aver favorito una conclusione di questo contratto abbastanza rapida, d’altra parte noi con l’Intesa San Paolo eravamo disponibili ad andare avanti per conto nostro nel fare gli aumenti di stipendi alle persone, perché io questa l’ho considerata sempre una priorità”. “Se un’azienda guadagna molto, deve fare in modo che le persone che lavorano nell’azienda possano averne un beneficio”, ha ribadito Messina, aggiungendo “questa è una consapevolezza alla base del mio fare l’amministratore delegato di questa Banca”.

Condividi articolo