1484 visite 2 minuti 0 commenti

Dentro Villa Grande a Roma, la dimora di Berlusconi dove si è consumato lo strappo con Draghi

In Cronaca
21 Luglio 2022

Villa Grande a Roma

Non è stata La Certosa in Sardegna, dove si consumò il primo scandalo dei festini estivi del Cavaliere, e non è stata nemmeno la casa di Arcore, che sugellò il più recente patto con Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Ma è sempre stata una magione di Silvio Berlusconi a finire al centro della vita politica italiana. È a Villa Grande a Roma, infatti, dove il centrodestra si è riunito fino all’ultimo, prima di decidere di sfilarsi dal governo di Mario Draghi. Nella grande casa, sull’Appia Antica, che fu del regista Franco Zeffirelli, il leader degli azzurri ha riunito i partiti di governo negli ultimi giorni, valutando l’exit strategy dall’empasse in cui le inaspettate dimissioni presentate dal premier aveva fatto finire l’esecutivo.

Come è finita al governo lo sappiamo tutti, con Lega e Forza Italia che hanno scelto di non votare la fiducia a Draghi. Ma le stanze di quella villa hanno ospitato in questi giorni tutti i maggiorenti del centrodestra. Berlusconi aveva acquistato la proprietà nel 2001 per 3 milioni e 375mila euro. Era stato lo stesso Cavaliere poi a concederla in comodato d’uso gratuito al regista fiorentino, amico ed ex parlamentare di Forza Italia, morto nel 2019. La villa si trova in un quartiere di Roma in cui vivono anche lo stilista Valentino, l’attore Christian De Sica e la cantante Ana Bettz. 

Berlusconi ha ristrutturato completamente la villa ed è molto diversa da quella lasciata da Zeffirelli. Della casa si conosce che è composta da un grande loggiato esterno e da un grande salone. È presente anche una dépendance e una piscina. Rispetto a quando viveva nella dimora il regista, sono scomparsi i colori grigi e bianchi e al loro posto sulle pareti è arrivata della carta da parati.

/ Articoli pubblicati: 825

.