Fed, Powell: "Non è chiaro se i tassi dovranno salire ancora" - V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Economia/In evidenza
EconomiaIn evidenza Ven 19 maggio 2023

Fed, Powell: "Non è chiaro se i tassi dovranno salire ancora"

Il numero uno della Fed Jerome Powell sostiene che "non è ancora chiaro se i tassi americani dovranno salire ancora" Fed, Powell: "Non è chiaro se i tassi dovranno salire ancora" JEROME POWELL FEDERAL RESERVE FED
Redazione Verità&Affari
di 
Redazione Verità&Affari

Fed, Powell: “Non è chiaro se i tassi dovranno salire ancora”

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che non è ancora chiaro se i tassi di interesse dovranno aumentare ulteriormente, poiché i funzionari della banca centrale degli Stati Uniti si trovano a bilanciare l’incertezza sull’impatto dei passati aumenti del costo del denaro con la recente stretta del credito bancario e il fatto che l’inflazione si sta dimostrando dura da riportare sotto controllo.

“Siamo di fronte all’incertezza sugli effetti ritardati del nostro inasprimento finora e sull’entità della stretta creditizia dovuta ai recenti stress bancari – ha affermato Powell durante una conferenza organizzata dalla banca centrale a Washington – Quindi oggi, la nostra guidance si limita a identificare i fattori che monitoreremo mentre valutiamo la misura in cui un ulteriore rafforzamento della politica potrebbe essere appropriato per riportare l’inflazione al 2%”.

“I rischi di fare troppo o troppo poco stanno diventando più equilibrati e la nostra politica si è adattata per riflettere ciò”, ha aggiunto. In vista della riunione politica del 13-14 giugno, “non abbiamo preso alcuna decisione sulla misura in cui sarà appropriato un ulteriore rafforzamento della politica”.

Ancora attenzione sulle banche Usa

Powell ha ricordato che i problemi alla Silicon Valley Bank e altre banche potrebbero ancora avere ripercussioni sull’economia: “Gli strumenti di stabilità finanziaria hanno contribuito a calmare le condizioni nel settore bancario. Gli sviluppi lì, d’altro canto, stanno contribuendo a condizioni di credito più restrittive e probabilmente peseranno sulla crescita economica, sulle assunzioni e sull’inflazione”.

“Quindi, di conseguenza, il nostro tasso ufficiale potrebbe non aver bisogno di aumentare tanto quanto avrebbe dovuto altrimenti per raggiungere i nostri obiettivi – ha aggiunto – Naturalmente, la portata di ciò è altamente incerta“.

Powell ha inoltre detto che l’inflazione è ancora troppo alta: “Molte persone stanno attualmente sperimentando un’inflazione elevata, per la prima volta nella loro vita”. “Pensiamo che il fallimento nel ridurre l’inflazione non solo prolungherebbe il dolore, ma alla fine aumenterebbe anche i costi sociali del ritorno alla stabilità dei prezzi, causando un danno ancora maggiore alle famiglie e alle imprese, e miriamo a evitarlo rimanendo saldi nella perseguimento dei nostri obiettivi”, ha aggiunto.

Condividi articolo