171 visite 3 minuti 0 commenti

Transizione verde e digitale, il piano strategico della Consob. L’allarme sulle criptovalute

In Economia
21 Giugno 2022

Il piano di Consob

Piazza Affari è tornata ben oltre i livelli pre-Covid. Ma lo scenario è completamente mutato rispetto al passato. Per questo è oggi più che mai necessario stare in allerta per gli attacchi hacker e concentrarsi sulle nuove frontiere dell’Intelligenza artificiale. Nella relazione annuale, la Consob fa il punto su un 2021 decisamente difficile, ma che ha riportato l’Exm, ex Mta, ad una capitalizzazione da 757 miliardi di capitalizzazione contro i 600 del 2020 e i 638 del 2019. Il numero di quotate domestiche è risultato però in calo a 229 unità contro le 235 del 2020 e le 239 del 2019. In aumento i delisting (14 contro i 10 dei due anni precedenti) mentre i collocamenti sono stati otto contro i 9 del 2019 e i 6 del 2020.

Sulla base di questo scenario, Consob ha costruito un piano strategico 2022-2024 fortemente concentrato sulla  transizione verde e digitale. Obiettivo: “Valorizzare gli interventi pubblici espansivi e le riforme delineati nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)”. Come si legge nella relazione 2011 dell’autorità guidata da Paolo Savona. Per questa ragione nel piano strategico 2022-2024 punterà molto sulla Strategia nazionale per l’intelligenza artificiale (IA). Per la vigilanza, “non è più una scelta ma una necessità per la competitività del Sistema-Italia nella componente privata e in quella pubblica”, prosegue il documento.

Inoltre l’autorità presieduta da Paolo Savona è tornata a parlare di “cripto-attività e finanza decentralizzata”. Argomenti che possono “esporre gli investitori a notevoli rischi derivanti dalle improvvise oscillazioni di prezzo e da talune caratteristiche dei sistemi di scambio e delle tecnologie sottostanti”, come riferisce il testo.

“A fronte di questi sviluppi, in linea con gli orientamenti strategici già approvati dalla Commissione, obiettivo primario della CONSOB è supportare il processo di canalizzazione del risparmio verso l’economia reale, assicurando nel continuo adeguati livelli di tutela del risparmio”, si legge. Non senza ricordare che la situazione in Ucraina richiede la massima “attenzione al rischio di attacchi informatici, di intensificare le attività di monitoraggio e difesa in relazione a possibili attività di malware e di adottare tutte le misure di mitigazione dei rischi che si rendano necessarie; si invitano i soggetti vigilati a considerare attentamente i piani di continuità aziendale (business continuity plan) e a garantire il corretto funzionamento e il pronto
ripristino dei backup”, avverte la Vigilanza.

/ Articoli pubblicati: 59

Giornalista di economia e finanza. Ha lavorato per i principali editori italiani fra Milano, Roma e Parigi. È autrice del libro "Vincent Bolloré, il nuovo re dei media europei" (2015), recensito in Italia e all'estero e attualmente unico libro in inglese sul miliardario bretone, e "Telecommedia a banda larga, cronaca breve della disconnessione politica italiana" (2020). Unico giornalista italiano citato da Reporters without borders nel rapporto sugli Oligarchi alla conquista dei media del Vecchio continente.