155 visite 2 minuti 0 commenti

Price cap sul gas, primo passo in Ue: ma il prezzo è altissimo e solo da gennaio

In Energia, Primo piano
22 Novembre 2022

Gas, primo passo per il price cap

Primo passo in Unione europea, ma la partita sul price cap sul gas è ancora molto lontana dall’essere chiusa e, soprattutto, rischia di essere solo un meccanismo di facciata. La Commissione Ue ha dato infatti il via libera alla sua proposta sulla materia, che ora dovrà essere però esaminata e approvata dal Consiglio Ue.

Non ci sarà una corsa contro il tempo però per approvare la misura, visto anche lo scetticismo ancora diffuso da parte di alcuni Stati membri. Se verrà approvata anche dal Consiglio Ue, entrerà in vigore infatti solo dal primo gennaio 2023 e durerà un anno. Possibile una proroga dopo una revisione del meccanismo nel novembre 2023. La soglia inoltre è stata fissata molto in alto: 275 euro per Megawattora. Oggi, in rialzo, il prezzo del gas al Ttf si aggira intorno ai 120 euro per Megawattora.

“Sappiamo che l’Ue paga prezzi molto elevati per il gas” e nonostante i prezzi siano scesi “restiamo esposti a delle dinamiche speculative” sui costi dell’energia. “Il nostro non è un intervento regolativo per fissare il prezzo del gas ma un meccanismo di ultima istanza che scatta” a certe condizioni ha spiegato la commissaria Ue all’Energia Kadri Simson.

Il meccanismo

La proposta della Commissione Ue guidata da Ursula von der Leyen prevede un meccanismo molto particolare. Il cap infatti scatterà se i futures del mercato Ttf supereranno l’altissimo livello imposto dall’Ue per almeno due settimane. E se il divario tra i listini del Ttf e quelli di riferimento del Gnl sarà maggiore del 58% per almeno 10 giorni.

Simson ha spiegato il perché della scelta. “Questa è la condizione cruciale per assicurare che l’intervento” di correzione sul mercato “avvenga soltanto quando i prezzi Ttf del gas non riflettono più i fondamentali del mercato”. La commissaria ha spiegato che si tratta di una scelta “cruciale anche per garantire che saremo in grado di continuare ad attrarre Gnl in questo momento difficile per l’Ue”.