233 visite 30 secondi 0 commenti

La Commissione europea non bada a spese, da inizio anno 700 mila euro solo per i voli

In Europa, In evidenza
5 Luglio 2022
Alle low cost preferiscono i charter privati: von der Leyen sborsa 16 mila euro al mese

Le spese della Commissione europea

Viste le cifre c’è davvero da incrociare le dita ogni volta che un commissario europeo parte per qualche missione. Che sia verso il Sol Levante o nel cuore dell’Europa, infatti, non si bada a spese. Nonostante il periodo caldo tra il conflitto in corso in Ucraina e il rischio di una nuova ondata da Covid-19, i membri dell’esecutivo europeo non hanno rinunciato ai loro viaggi con il marchio delle missioni istituzionali.

E fin qui non ci sarebbe nulla di male. Anzi, si può osservare: è logico che debbano portare avanti le loro mansioni, indipendentemente dalla cornice storica in cui si muovono. Sarebbe un discorso impeccabile, se non fosse che la prassi è quella di snobbare i voli “low cost” o comunque una maggiore attenzione su quelli di linea. Molto più comodo ricorrere ai cosiddetti “aereo-taxi”, voli charter privati che scarrozzano i commissari, con il codazzo di collaboratori, ovunque sia richiesto.

Continua a leggere sulla copia digitale del giornale