414 visite 2 minuti 0 commenti

Nessuna sorpresa dall’aumento di capitale di Saipem, gli effetti del piano

In Finanza, Saipem
28 Giugno 2022
Saipem ha annunciato la cessione di una piattaforma in Brasile per 73 milioni

L’aumento di capitale di Saipem

Tutto come previsto per l’aumento di capitale Saipem da due miliardi di euro. Le azioni (poche) volano, i diritti (abbondanti) crollano. Effetto scontato della modalità «non rolling» (ovvero senza il cambio quotidiano tra azione e diritto) in presenza di un aumento iperdiluitivo, ovvero con una scarsità di azioni e un grande numeor di diritti. Una modalità che la Consob nel 2016 ha ritenuto causasse effetti distorsivi sul mercato nel caso di aumenti iperdiluitivi e per questo avevo imposto da allora lo svolgimento in modalità rolling (con il cambio quotidiano tra azioni e diritti. Salvo poi tornare sui suoi passi autorizzando l’operazione di Saipem in modalità «non rolling». L’aumento di capitale di Saipem prevede la sottoscrizione di nuove azioni a 1,013 euro nel rapporto di 95 a uno.

La cessione

Saipem ha annunciato anche di aver siglato un accordo con Bw Energy per la vendita dell’unità galleggiante di produzione, stoccaggio e scarico (Fpso) Cidade de Vitoria, attualmente di proprietà di Saipem e gestita operativamente per conto di Petrobras nel giacimento di Golfinho, al largo delle coste del Brasile.

L’operazione, si spiega in una nota, è subordinata alla chiusura dell’acquisizione, da parte di Bw Energy, del 100% dei diritti di Petrobras nel giacimento di Golfinho, prevista per il primo trimestre del 2023. Sulla base del memorandum, Bw Energy verserà a Saipem 73 milioni di dollari, di cui 25 milioni alla chiusura della transazione Golfinho, 13 milioni al momento dell’acquisizione e sdoganamento della Fpso, previsti nel 2023, e 35 milioni in 18 rate mensili dopo l’acquisizione. Considerando i termini della transazione Golfinho, l’attuale contratto di noleggio e gestione operativa tra Saipem e Petrobras – in scadenza a febbraio 2023 -è stato esteso fino al momento dell’acquisizione della Fpso o alternativamente fino al giugno 2024, a seconda di quale tra i due termini si verificherà prima. La vendita della Fpso è in linea con i presupposti del piano strategico di Saipem 2022-2025.