Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Imprese
Imprese Mer 13 luglio 2022

L’ex Ilva torna a fare utili, ma i soldi non bastano per il rilancio

L'ex Ilva si trova in uno stato comatoso con impianti fermi, per ultimo lo stop dell'altoforno 2 fino a fine agosto.

Il risultato dell’ex Ilva

«Affronteremo i problemi dell’Ilva», ha promesso il premier Mario Draghi ieri in conferenza stampa. «Le nostre difficoltà sono importanti, non di mercato ma di funzionamento dell’azienda», dice Franco Bernabè, presidente di Acciaierie d’Italia holding. Per il leader della Uilm Rocco Palombella, «l’ex Ilva si trova in uno stato comatoso con impianti fermi, per ultimo lo stop dell’altoforno 2 fino a fine agosto, non per manutenzioni ma per mancanza di materie prime e crisi di liquidità».

Eppure, appena qualche giorno fa – il 21 luglio -, la holding partecipata dallo Stato attraverso Invitalia ha approvato un bilancio consolidato con oltre 300 milioni di utile netto su 3,3 milioni di ricavi, praticamente raddoppiati rispetto allo scorso anno. Un margine operativo di 346,8 milioni e un risultato ante imposte positivo per 101 milioni, che diventano 325 milioni grazie a 223 milioni di imposte differite attive, contro una perdita 266 milioni registrata nel 2020.

Il primo bilancio della gestione mista pubblico-privato del gruppo dell’acciaio stride, nei numeri, con le dichiarazioni dei protagonisti della sua «rinascita», a cominciare dal presidente Bernabè.

Continua a leggere sulla copia digitale del giornale 

 
Condividi articolo
Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici che monitorano in forma anonima l'interazione dell'utente con il sito. Questo sito non utilizza cookie per finalità di profilazione e/o marketing. Approfondisci
OK