Piazza Affari sale al traino delle banche : in luce Bper- V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ In evidenza/Mercati
In evidenzaMercati Mer 01 febbraio 2023

Piazza Affari al piccolo trotto. L'unica certezza sono le banche

Borse ingessate in attesa delle decisioni delle banche centrali. La Fed è vista rialzare i tassi dello 0,25% e La Bce domani dello 0,5% Piazza Affari al piccolo trotto. L'unica certezza sono le banche BORSA ITALIANAMILANO PIAZZA AFFARIPALAZZO MEZZANOTTE
Nino Sunseri
di 
Nino Sunseri

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.

 

Le scommesse: La Fed alzerà dello 0,25% e la Bce dello 0,5%

Borse ingessate per tutta in attesa della Federal Reserve. Gli analisti scommettono su  un ritocco di 25 punti e  attendono le parole del numero uno dell’istituto, Jerome Powell, per capire se la corsa è vicina al capolinea o meno. I dati economici sono assolutamente contraddittori. Gli occupati sono cresciuti di 106.000 unità. La stima era +180.000.
In contraddizione con questo dato, è il forte aumento delle posizioni lavorative aperte  che secondo il Dipartimento del Lavoro Usa sono  undici milioni. Una confusione che solo le parole di Powell potranno chiarire

Gli analisti guardano alle banche

. La decisione della Fed influenzerà anche l’annuncio di domani della  Banca centrale europea. Gli analisti  mettono in conto un incremento di 50 punti base. Milano ha archiviato la seduta con un progresso dello 0,39%, vantando una delle performance migliori d’Europa, seconda solo a Madrid (+0,74%). Il Ftse Mib, sui livelli di circa un anno fa, da inizio anno vanta un rialzo del 12,6%. A trainare il listino sono state le banche che saranno le principali beneficiarie dell’aumento dei tassi deciso dalle banche centrali

L’INFLAZIONE IN EUROPA SCENDE MA NON TROPPO

In Europa i prezzi al consumo registrano una crescita dell’8,5%, in frenata dal 9,2% del mese precedente: il consensus era +8,5%. Cambia la musica se si guarda al dato core (al netto di energia e alimentari) in rialzo del +5,2% come dicembre. Il consensus era +5,1%.

LA GIORNATA DEI CALDISSIMI

 

UNICREDIT E BANCHE

Dopo la trimestrale Intermonte alza il giudizio a Interessante e porta il target da 17,5 a 23,50 eu. Tutti i broker stanno correndo ad alzare le stime. Ci aspettiamo un tono positivo delle trimestrali di tutte le banche italiane. Unicredit in chiusura ha guadagnato ancora l’1% superando  quota 18€. Bper (+3.3%) è stata l’azione migliore del Ftse Mib spinta dal “Buy” di Ubs

 BOND

.Lo spread tra Btp e Bund tedesco è in rialzo a 200 punti, con il rendimento del decennale italiano al 4,3% sul mercato secondario.

ENERGIA

PETROLIO

Estende le perdite dopo l’aumento a sorpresa delle scorte settimanali di greggio statunitense. Inoltre il Comitato ministeriale di monitoraggio dell’Opec+ ha deciso di mantenere stabile la produzione, in linea con le aspettative del mercato.  Brent arretra dell’1,13% a 84,47 dollari al barile.

 GAS

Cala del 2,35% a 58,7 euro al Mwh.

 VALUTE

Euro a 1,091 (+0,2%). Dollaro in frenata dopo i dati che indicano un rallentamento più marcato delle attese del mercato del lavoro negli USA.

ORO

Tratta a 1.926 dollari.

Condividi articolo