Piazza Affari senza fiato. Corre Mps. Bitcoin record
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Investimenti/In evidenza
In evidenzaInvestimenti Lun 04 dicembre 2023

Piazza Affari senza fiato. Corre Mps Bitcoin al record

Piazza Affari -0,05%, Francoforte, in flessione di circa lo 0,2% Londra e Parigi. La propensione al rischio degli investitori rimane fragile Piazza Affari senza fiato. Corre Mps Bitcoin al record
Nino Sunseri
di 
Nino Sunseri

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.

Calo dei titoli dell’energia e delle materie prime, termometro della probabile frenata dell’economia globale nei prossimi mesi e riflesso del -5% circa del petrolio nelle ultime tre sedute, porta a una prima sessione settimanale anonima per le Borse europee. I listini del Vecchio Continente, stando all’indice Stoxx600, avevano raggiunto venerdì i massimi da quattro mesi con Milano al top dal 2008 e hanno consolidato tali livelli: il Ftse Mib ha chiuso a -0,05%, piatta Francoforte, in flessione di circa lo 0,2% Londra e Parigi. “La propensione al rischio degli investitori rimane fragile per due motivi” argomenta AcrivTrades: l’agenda macro di questa settimana fitta di appuntamenti (Pmi e Ism di Usa, Uk e Ue oltre al rapporto sul lavoro americano); il “lungo cammino di rimbalzo” messo a segno dai mercati da fine ottobre che consiglia prese di profitto in attesa di nuovi riscontri sullo stato dell’economia.

A Milano Saipem e Eni (rispettivamente -2,1% e -1,9%) hanno sofferto per tutta la giornata la debolezza del petrolio mentre realizzi hanno interessato titoli come Cnh, Interpump e Leonardo che si erano messi in luce nelle ultime sedute. Brillante Mps (+3,7%): i ratio patrimoniali dell’istituto al 30 settembre sono già al di sopra dei requisiti richiesti da Bce per il 2024.

Bond

Bond governativi in calo negli Stati Uniti. Treasury Note a dieci anni a a 4,28%, +8 punti base.

Bund tedesco a 2,34%. BTP a 4,10%, sui minimi da agosto. Spread in calo a 176 punti.

 

Valute

 in calo dello 0,6% a 1,082. Il vicepresidente della Banca centrale europea, Luis de Guindos, ha detto che i recenti dati sull’inflazione nella zona euro sono una buona notizia e “una sorpresa positiva”. L’inflazione della zona euro ha subito un forte rallentamento al 2,4% il mese scorso, ben al di sotto delle aspettative per il terzo mese consecutivo, alimentando le scommesse del mercato sul fatto che i tassi di interesse della Bce scenderanno molto più rapidamente di quanto previsto dall’istituto.

Petrolio e gas

Wti a 74 dollari, Brent a 79 dollari -0,5%. Il taglio aggiuntivo alla produzione deciso dall’Opec+ ha sollevato parecchie perplessità. Gas Naturale USA -3,7%, Gas Naturale UE (Amsterdam) -7%, intorno ai 40 euro/mwh.

Oro

Oro in forte calo a 2.025 dollari, -2,2%, dal record di stamattina a 2.135 dollari.

 

Bitcoin

Sale del 5% a 41.600 dollari, sui massimi da aprile 2022, poco prima del collasso di TerraUSD. II mercato sta anticipando gli effetti rialzisti del prossimo lancio di ETF che replicano il bitcoin da parte di alcune grandi e grandissime case d’investimento. I nuovi prodotti di investimento dovrebbero essere approvati dalla Securities&Exchange Commission nella parte dell’anno.

 

Questo articolo è stato redatto a solo scopo informativo, non costituisce attività di consulenza né sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni riportate sono di pubblico dominio, ma possono essere suscettibili di variazioni in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina pertanto ogni responsabilità e si ricorda che qualunque operazione finanziaria viene fatta a proprio esclusivo rischio.
Condividi articolo