I principi sauditi crercano un compratore per Aramco
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Investimenti/In evidenza
In evidenzaInvestimenti Lun 04 settembre 2023

Riyad cerca compratori stranieri per il petrolio di Aramco

Riyad è alla ricerca di nuovi fondi. Possibile un'offerta da 50 miliardi e la quotazione del titolo a Londra o Singapore Riyad cerca compratori stranieri per il petrolio di Aramco
Nino Sunseri
di 
Nino Sunseri

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.

Offerta da 50 miliardi

Il governo Saudita ha avviato colloqui con potenziali investitori, fra cui altre compagnie petrolifere multinazionali e fondi sovrani, per collocare sul mercato un’ulteriore quota di Saudi Aramco, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal. Non è stata ancora presa una decisione, ma secondo alcune fonti l’offerta potrebbe avvenire prima della fine dell’anno. L’anno scorso, Aramco ha considerato la vendita di ulteriori azioni sulla borsa di Riyadh e una quotazione secondaria, forse a Londra, Singapore o altrove, ma ha deciso che le condizioni di mercato non erano favorevoli. Un’offerta di vendita di $50 miliardi potrebbe essere difficile da realizzare.

Nel 2019 aveva raccolto 29,4 miliardi

L’azienda ha stabilito il precedente record per l’offerta pubblica iniziale più grande del mondo nel 2019, quando ha raccolto $ 29,4 miliardi sul Tadawul, la borsa saudita. L’Ipo del Gruppo Ant di oltre $ 34 miliardi ha poi superato quell’importo nel 2020. La quotazione del 2019 era una versione ridimensionata delle ambizioni originali dell’azienda, che erano di vendere il 5% della società per un importo massimo di $100 miliardi. Tuttavia, gli investitori internazionali erano diffidenti in merito alle questioni di governance e al prezzo delle azioni, che valutavano la società circa $1.700 miliardi. Nel tentativo di monetizzare le massicce risorse petrolifere del Paese e utilizzare i proventi per investire in altri settori, l’Arabia Saudita ha cercato a lungo di vendere ulteriori quote del suo gigante.

Utili in calo ma sale il didendo

Nonostante una diminuzione del 38% del profitto trimestrale a causa dei prezzi energetici più bassi e dei tagli alla produzione, Aramco ha aumentato il suo dividendo di oltre la metà lo scorso mese, confermando il ruolo di fonte chiave di finanziamento per il governo saudita. Tuttavia, la decisione di Aramco di incrementare la cedola ha sollevato interrogativi sulla possibilità di bilanciare le esigenze del suo principale azionista con i requisiti di una società quotata. A marzo, il colosso ha riportato un profitto annuale record di $ 161 miliardi nel 2022, il più grande mai realizzato da una società energetica, consolidando la supremazia del regno come produttore di petrolio più importante al mondo.

Questo articolo è stato redatto a solo scopo informativo, non costituisce attività di consulenza né sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni riportate sono di pubblico dominio, ma possono essere suscettibili di variazioni in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina pertanto ogni responsabilità e si ricorda che qualunque operazione finanziaria viene fatta a proprio esclusivo rischio.
Condividi articolo