Azimut, crescita a doppia cifra dell'utile nel primo trimestre
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Investimenti/Primo piano
InvestimentiPrimo piano Mar 09 maggio 2023

Azimut, crescita a doppia cifra dell'utile nel primo trimestre

I profitti operativi sono cresciuti dell'11% a 149,6 milioni rispetto a 135,3 milioni del primo trimestre 2022 Azimut, crescita a doppia cifra dell'utile nel primo trimestre
Redazione Verità&Affari
di 
Redazione Verità&Affari

Azimut, crescita a doppia cifra dell’utile nel primo trimestre

Il primo trimestre del 2023 di Azimut Holding si chiude con ricavi totali che ammontano a 326,3 milioni rispetto ai 327,2 milioni dello stesso periodo del 2022, nonostante il deconsolidamento di Sanctuary.

L’utile operativo è cresciuto dell’11% a 149,6 milioni (rispetto a 135,3 milioni nel 1Q 2022) e il margine operativo si è attestato al 46%, in aumento rispetto al 41% registrato nel 1Q 2022, grazie allo sviluppo dei ricavi totali e alla riduzione dei costi.

L’utile netto adjusted ammonta a 127,1 milioni (rispetto a 95,5 milioni nel 1Q 2022) ed evidenzia un incremento del 33%.
La Posizione Finanziaria Netta consolidata a fine marzo 2023 risulta positiva per circa 349 milioni, in crescita di 55,9 milioni rispetto alla fine di dicembre. Anche a dispetto di acquisizioni e investimenti per circa 90 milioni. La posizione finanziaria netta a fine marzo non include il dividendo per cassa di 1,30 per azione approvato in assemblea degli e in pagamento il 24 maggio 2023.

Il gruppo Azimut ha registrato nel mese di aprile 2023 una raccolta netta positiva per 270 milioni.

(Teleborsa) 

Questo articolo è stato redatto a solo scopo informativo, non costituisce attività di consulenza né sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni riportate sono di pubblico dominio, ma possono essere suscettibili di variazioni in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina pertanto ogni responsabilità e si ricorda che qualunque operazione finanziaria viene fatta a proprio esclusivo rischio.
Condividi articolo