217 visite 2 minuti 0 commenti

Il socio australiano rende Erg più forte, le azioni da comprare secondo gli analisti

In Investimenti
18 Giugno 2022

Le azioni da comprare per gli analisti

Il contesto tecnico generale evidenzia implicazioni ribassiste in via di rafforzamento per il Ftse Mib con sollecitazioni negative tali da forzare i livelli verso l’area di supporto stimata a 21.453. Contrariamente alle attese, invece, sollecitazioni rialziste potrebbero spingere i prezzi fino a quota 22.273,9 dove staziona un importante livello di resistenza.

B. UNICEM
Akros conferma rating BUY e TP di 26 €. Gli esperti segnalano che la forte posizione finanziaria netta del gruppo è coerente con gli investimenti richiesti per ridurre le emissioni di C02. Il titolo, tratta a multipli economici.

COMAL
Integrae conferma rating BUY e TP di 5,35 € dopo che l’azienda ha annunciato di aver concluso un importante contratto per la realizzazione di un nuovo impianto fotovoltaico. Il contratto, rappresenta una grande opportunità di crescita per la società, ne conferma i piani di espansione e permette di ampliarne il portafoglio ordini che ammonta a 147 milioni.

ENEL
Equita Sim conferma BUY e il TP a 8,1 €. Si conclude il processo di cessione delle attività in Russia. Il valore dell’affare è di 137 milioni e comporterà una riduzione del debito in Enel per 550 milioni. 

ERG
Equita Sim rating BUY e TP di 35,5 € dopo che San Quirico (famiglia Garrone) ha siglato un accordo con IFM Investors (Fondo infrastrutturale Australiano) per la cessione di una quota di minoranza. Si tratta, di una notizia positiva per Erg. Ad un prezzo di 1 miliardo il fondo sta attribuendo una valorizzazione implicita di Erg in linea con l’attuale capitalizzazione da 4,57 miliardi fornendo l’impegno a sostenere il piano. Mediobanca conferma rating e TP di 36€ così come Intesa; rating BUY e TP di 38 €.

Continua a leggere sulla copia digitale del giornale 

 
/ Articoli pubblicati: 106

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.