La Borsa di Milano accelera spinta dai conti delle banche Usa
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Mercati
Mercati Mar 18 luglio 2023

La Borsa di Milano accelera spinta dalle trimestrali Usa

ha registrato un progresso dello 0,34%, a Parigi il Cac40 dello 0,38% e a Francoforte il Dax40 dello 0,3%. La Borsa di Milano accelera spinta dalle trimestrali Usa BORSA ITALIANAMILANO PIAZZA AFFARIPALAZZO MEZZANOTTE
Nino Sunseri
di 
Nino Sunseri

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.

I conti delle banche di Wall Street migliori delle attese

Chiusura in rialzo per le Borse europee, sostenute nel pomeriggio dalle trimestrali Usa. A Piazza Affari il Ftse Mib ha registrato un progresso dello 0,34%, a Parigi il Cac40 dello 0,38% e a Francoforte il Dax40 dello 0,3%. L’accelerazione del Dow Jones dopo un avvio piatto ha permesso ai listini europei di recuperare terreno dopo una giornata passata a oscillare sulla parità. A dare la carica ai listini sono stati soprattutto i conti di Bank of America e Morgan Stanley migliori delle attese. Sul fronte macro, dagli Stati Uniti è arrivata una nuova serie di dati, tra cui in particolare le vendite al dettaglio (salite meno del previsto) e la produzione industriale di giugno (in calo più delle attese). In questo quadro si continuano ad aspettare le prossime riunioni di Federal Reserve e Banca centrale europea del mese di luglio. Hanno continuato a pesare negativamente su titoli come quelli del lusso i deludenti dati cinesi su Pil e vendite al dettaglio pubblicati ieri.

Leonardo torna a brillare

Passando a Piazza Affari, seduta di acquisti per Banca Mediolanum (+2,18%), quando Leonardo (+2,16%) ha continuato in scia alla performance della vigilia. Ancora vendite su Moncler (-1,41%) e giornata debole anche per Ferrari (-1,06%).

Dollaro in ribasso da due mesi

Sul mercato dei cambi, l’euro passa di mano a 1,1229 dollari (1,1265 in avvio e 1,1236 ieri in chiusura). È tornato a salire il prezzo del petrolio: il contratto consegna Settembre sul Brent guadagna l’1,31% a 79,53 dollari al barile e quello scadenza Agosto sul Wti l’1,55% a 75,3 dollari al barile. Infine, il prezzo del gas ad Amsterdam sale dell’8,7% a 27,27 euro al megawattora

Condividi articolo