Morgan Stanley multata per i messaggi dei suoi trader - V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Mercati/Primo piano
MercatiPrimo piano Mer 23 agosto 2023

Morgan Stanley multata per i messaggi dei suoi trader

Sanzione di oltre 5 milioni di sterline dall'Autorità di controllo del settore dell'energia. E' la prima applicazione delle nuove regole sul mercato energetico Morgan Stanley multata per i messaggi dei suoi trader
Redazione Verità&Affari
di 
Redazione Verità&Affari

Morgan Stanley multata

The Office of Gas and Electricity Markets (Ofgem), l’autorità di regolamentazione dell’energia britannica ha imposto una multa di 5,41 milioni di sterline a Morgan Stanley. La banca Usa è accusata di non aver registrato e conservato comunicazioni elettroniche tra gennaio 2018 e marzo 2020. Queste comunicazioni sono state effettuate da trader di energia all’ingrosso, su telefoni di proprietà privata tramite WhatsApp, discutendo le transazioni del mercato energetico.

Primo caso in Gran Bretagna

Si tratta della prima multa emessa in Gran Bretagna in base ai requisiti legali per registrare e conservare le comunicazioni elettroniche relative al commercio wholesale di prodotti energetici. Le norme, spiega una nota dell’Ofgem, sono progettate per proteggere i consumatori e garantire la trasparenza e l’integrità del mercato fornendo all’Autorità i poteri di indagare e sanzionare contro la manipolazione del mercato e l’insider trading.

Ammesse le violazioni

Ofgem ha riscontrato che la banca Usa disponeva di politiche che proibivano l’uso di WhatsApp per comunicazioni commerciali, ma non ha adottato misure ragionevoli sufficienti per garantire la conformità alle proprie politiche e ai requisiti delle normative. Morgan Stanley ha ammesso le violazioni tra gennaio 2018 e marzo 2020 e ha adottato misure per garantire che tali violazioni non si ripetano, tra cui una migliore formazione del personale e il rafforzamento dei suoi sistemi e controlli interni.

La banca ha collaborato pienamente con le indagini di Ofgem e ha accettato di risolvere il caso. La sanzione prevede uno sconto del 30% per il saldo.

Condividi articolo