Piazza Affari parte in rialzo nonostante la debolezza di Wall Street. Da seguire Enel - V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Mercati
Mercati Mer 04 gennaio 2023

Piazza Affari parte in rialzo nonostante la debolezza di Wall Street. Da seguire Enel

Apertura in rialzo dello 0,5% a Milano. In Germania l'inflazione è scesa più del previsto e anche in Francia i dati sono incoraggianti Piazza Affari parte in rialzo nonostante la debolezza di Wall Street. Da seguire Enel ENEL
Nino Sunseri
di 
Nino Sunseri

Giornalista economico finanziario da oltre 50 anni, ha cominciato nel 1974 al Giornale di Sicilia. Ha lavorato rivestendo ruoli di caposervizio e inviato per il Corriere della Sera, La Repubblica e Libero.

Buona partenza per Milano

Apertura in rialzo dello 0,5% a Milano. In Germania l’inflazione è scesa in dicembre più del previsto, il rallentamento della corsa dei prezzi è per buona parte giustificato dalla discesa delle quotazioni di gas e petrolio. Alle 8.45 esce in Francia l’inflazione armonizzata UE, il consensus si aspetta in questo caso una lieve accelerazione. Wall Street ha iniziato l’anno con una seduta in calo, Nasdaq  -0,8%, S&P500  -0,4%. Tesla  ha perso il 13%, ribasso che porta il titolo su nuovi minimi di medio periodo. Apple  in calo del 3,7%, è sui prezzi che non si vedevano dal giugno di due anni fa. I future della borsa degli Stati Uniti sono in lieve rialzo. Alle 8.45 esce in Francia il dato sull’inflazione al 5,9% contro il 6,2% di novembre con attese che arrivavano addirittura al 6,4%. Questa sera  la Fed diffonderà  i verbali dell’ultimo meeting di metà dicembre.

TITOLI CALDISSIMI

ENEL: A quota 5,3 euro supera la media mobile a 200 giorni, fornendo un segnale di spinta. Per Intesa Sanpaolo il titolo vale  6,4 euro.  Gli analisti apprezzano  vendita degli asset in Argentina. La cessione potrebbe avvenire a tappe, con l’uscita separata degli asset di distribuzione (Edesur) e delle attività di generazione (Costanera). “L’exit dal Perù e dall’Argentina è già inclusa nel piano industriale per il 2023, ma consideriamo l’accelerazione delle cessioni nella prima parte dell’anno una buona notizia, che crediamo confermi la capacità di Enel di finalizzare il suo piano, semplificando la sua struttura”  commentano gli analisti.

SOTTO LA LENTE  

ISSC FINTECH: Integrae Sim ha confermato il giudizio Molto Interessante con Tp 10 euro. La  società è attiva nell’ambito dell’acquisizione, valutazione, gestione e recupero di crediti “problematici”. Nella nota, gli analisti commentano l’ultima operazione, comunicata lo scorso 29 dicembre,  riguardante la cessione  al veicolo Keplero SPV . di un portafoglio di crediti del valore nominale complessivo pari ad 10 milioni di euro: “L’operazione di cessione del portafoglio denota ancora una volta l’abilità della Società nelle attività di selezione e gestione dei portafogli di crediti, e, favorendo il perseguimento degli obiettivi strategici della Società le consente di focalizzarsi sull’attività di recupero crediti. In attesa di valutare i risultati economici di fine anno 2022, confermiamo la nostra raccomandazione”.

ANALISI TECNICA

AVIO: (10,1 euro). Si allontana dai minimi a  9,4/9 euro. Ampi spazi di recupero.

BANCO BPM:  (3,5 euro) Allunga ancora. Alleggerimento nella fascia  3,60/3,75 eu

DIGITAL BROS: (23,2 euro). Resta  invischiato nel range 21/22 – 24,5/25,5 eu.

INDEL B: (25,8 euro)  Aver superato la fascia  24,0/24,50 eu favorisce allunghi in zona 29 eu.

INTERPUMP:  (43,64)  Il consolidamento delle ultime settimane sembrerebbe un segnale rialzista. Prezzi ancora vicini al punto d’acquisto.

SAIPEM: (1,18 euro) . Aver traguardato i massimi di periodo apre  a ulteriori allunghi.

STELLANTIS: (13,8 euro). I prezzi provano ad invertire il trend. L’analisi tecnica suggerisce un nuovo ingresso

STM: (33,5 euro)  Anche qui i prezzi provano ad invertire il trend di breve. Anche qui possibile un nuovo ingresso

TELECOM: (0,22 euro) . Elevata volatilità. Possibile impennata  verso 0,25 euor.

WEBUILD: (1,41 euro )  Consolida sopra 1,40/1,38 euro… Target 1,55 euro.

 ANALISI DELLA TENDENZA

 FTSE MIB (24.450 punti,)

Nella banda 23mila-25mila  c’è la forbice all’interno del quale i prezzi si muoveranno ancora per qualche tempo, prima di trovare nuova direzionalità.

 PREVISIONI

La seconda seduta dell’anno ha offerto spunti, che possono servire per impostare gli investimenti nel 2023:

1) Nasdaq -0,8%  per via della caduta delle stelle.  Tesla ha perso il -12%, tornando ai minimi dall’agosto 2020, Apple, -3,7%, ha rivisto i prezzi dal giugno di due anni fa.  La quotazione dei big tech probabilmente non hanno  toccato il fondo!
2) Il  Gas è in ribasso del 6% riavvicinando i minimi da febbraio 2022;
3) Londra ha chiuso in rialzo dell’1,4%, toccando i massimi da giugno.

 

  • L’ANGOLO DEGLI ANALISTI: PROMOSSI

 

Niente da segnalare

 

  • L’ANGOLO DEGLI ANALISTI:BOCCIATI

Niente da segnalare

  • L’ANGOLO DEGLI ANALISTI: CONFERME

ARISTON: Equita Sim conferma  il target price a 9,8 €. Il gruppo, ricordano gli analisti, ha “completato l’acquisizione di Centrotec Climate Systems. Dopo le consuete rettifiche (legate al circolante netto, circa 5,7 mln in aumento rispetto ai livelli contrattualmente previsti), Ariston ha valorizzato l’azienda acquistata a circa 1 mld euro (anche tramite l’emissione di 41,4 mln di azioni)”.

BORGOSESIA: Integrae Sim conferma la raccomandazione d’acquisto  e il target price a 1,5 € dopo che la holding industriale attiva nel settore degli investimenti in asset non-performing e alternativi, volti a rivitalizzare progetti immobiliari, ha comunicato i risultati annuali in termini di ricavi, evidenziando una crescita del 32%. In particolare, grazie anche al contributo offerto da Green Soluzioni Immobiliari SRL, il gruppo è riuscito a concludere l’anno con vendite immobiliari per complessivi 28,8 mln euro, dato in forte crescita rispetto ai 21,8 mln del 2021, sottolineano gli analisti.

BANCO BPM: Equita Sim conferma  il target price a 4,2 euro. Il Patto di consultazione tra un gruppo di fondi pensione e fondazioni al 31 dicembre  ha raggiunto l’8,3% del capitale  in crescita rispetto a ottobre  quando si attestava a circa il 7,9%. Nel dettaglio, le quote del fondo pensione Inarcassa sono salite dallo 0,54% allo 0,975%, mentre i restanti partecipanti  hanno lasciato invariata la propria partecipazione (Fondazione CRT 1,8%; Fondazione CARI Lucca 1,24%; Fondazione CARI Alessandria 0,5%; Fondazione CARI Trento e Rovereto 0,028%; Fondazione ENPAM 1,95%; Fondazione Cassa di risparmio di Carpi 0,101%; Fondazione Cassa di risparmio di Reggio Emilia Pietro Manodori allo 0,0293% e la Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense all’1,66%).  Credit Agricole resta il primo azionista con circa il 9,2%. I movimenti si  inquadrano  in chiave di governance della banca. Il rinnovo del consiglio di amministrazione è previsto ad aprile con il board uscente che presenterà la propria lista.  Non sono da trascurare le implicazioni legate al risiko che vede Banco Bpm in prima linea.  Intesa Sanpaolo conferma la raccomandazione  il target price a 4 euro.

ENI: Akros conferma  il target price a 18,5 euro. Gli analisti puntano l’attenzione sulla nuova società dedicata alla mobilità sostenibile, Eni Sustainable Mobility, che svilupperà la bioraffinazione, il biometano e la vendita di prodotti, servizi e soluzioni per la mobilità, in Italia e all’estero.  – Equita Sim conferma la raccomandazione BUY e il TP a 19 €  Nel piano industriale presentato a marzo, Eni aveva comunicato di voler sviluppare il business per la mobilità sostenibile. Il target di Ebitda della mobilità sostenibile è pari a oltre 0,9 mld € entro il 2025. Riteniamo che la creazione della business unit di mobilità sostenibile possa valorizzare gli investimenti nella decarbonizzazione che invece sarebbero diluiti all’interno del gruppo petrolifero. . Circa il 25% delle spese per investimenti di piano 2022-2025 è destinato a investimenti low carbon, sottolineano gli analisti.

MUTUIONLINE: Equita Sim conferma  il target price a 35 euro. Gli analisti citano le indicazioni di stampa positive per il 2023. In particolare i  mutui, che nelle stime dovrebbero generare il 20-25% dei ricavi 2023. Inciderà il graduale ritorno delle surroghe, visto che il forte rialzo dei tassi sta spingendo i sottoscrittori del tasso variabile a passare al tasso fisso. Il passaggio potrebbe ridare slancio alle attività di MutuiOnline legate proprio alle surroghe, compensando in parte il calo atteso dei nuovi mutui A oggi le nostre stime su MutuiOnline sono basate su un mercato dei mutui in Italia previsto in calo di circa il 10% nel 2023. Quanto all’attività di broking assicurazioni (circa il 25% dei ricavi attesi da Equita per l’anno in corso), le polizze Rc auto in Italia sono attese in rialzo nel 2023, sia per effetti inflazione che per aumento dei sinistri. Questa indicazione sostiene la nostra stima di crescita a elevata singola cifra dei ricavi nel broking assicurazioni in Italia. Inoltre, se il medesimo trend si presentasse in altri Paesi europei, potremmo avere un quadro favorevole anche sull’andamento delle due società di broking acquisite di recente (Rastreator in Spagna e Lelynx in Francia), focalizzate principalmente sul business assicurativo (incluso Rc auto), su cui stimiamo ricavi di circa 68 mln nel 2023 (+10% sull’anno), conclude Equita.

TAMBURI: Equita Sim conferma  il target price a 11,7 euro. In un’ampia intervista Paolo e Giovanna Vitelli, rispettivamente presidente e CEO del gruppo Azimut Benetti, di cui TIP ha una quota del 12% sottolineano le ottime prospettive di crescita dell’azienda  L’articolo si chiude lasciando aperta la possibilità per una quotazione che in passato non sembrava essere di interesse per la famiglia. Incorporiamo la partecipazione di TIP in Azimut Benetti a book value (105,6 mln a fine settembre, 6% del Nav), un valore ampiamente prudenziale rispetto alle prospettive 2023-2024 e rispetto ai multipli espressi dalla concorrenza (Sanlorenzo tratta a 9-8 volte l’Ev/Ebitda 2022-2023).

STELLANTIS: Intesa Sanpaolo conferma il target price a 16,6 €. “In linea con il trend dei precedenti quattro mesi, a dicembre il mercato auto italiano ha segnato un ulteriore miglioramento, sostenuto dall’allentamento delle carenze nella catena di fornitura”, sottolineano gli analisti, che non sono particolarmente sorpresi dall’aumento a doppia cifra delle immatricolazioni nel mese scorso (+21%), tenuto conto della base di confronto molto favorevole con dicembre 2021, quando il mercato auto italiano era sceso del 27,5%. Sull’intero 2022, i dati del mercato italiano, così come di quello francese, sono in linea con le stime di Intesa Sanpaolo.  Akros conferma  il TP a 15 € dopo i dati sulle immatricolazioni auto in Italia e in Francia a dicembre. – Equita Sim lascia  il TP a 19 €.

PILLOLE DALL’ESTERO

BBVA: ha lanciato oggi un’emissione obbligazionaria senior non-preferred della durata di 8 anni, scadenza gennaio 2031, con opzione di rimborso al settimo anno.  Il tasso di uscita è Midswap +190/195bpsI sottoscrittori sono BBVA, Barclays, BNP Paribas, Credit Agricole e JP Morgan. L’obbligazione sarà quotata sul mercato Euronext Dublino ed è stata emessa secondo la legge spagnola. L’operazione è in linea con il piano di finanziamento di BBVA per il 2023.

DEUTSCHE BANK: La gestione è  in linea con i propri obiettivi di ristrutturazione e manterrà le proprie previsioni fino al 2025, nonostante i rischi della guerra in Ucraina, dell’inflazione elevata e della recessione. Lo ha detto James von Moltke, Cfo della banca, in un’intervista pubblicata dal quotidiano tedesco Boersen-Zeitung. “Vogliamo raggiungere un rendimento del capitale netto tangibile (Rote) al netto delle imposte superiore al 10% e ridurre il rapporto tra costi e ricavi sotto il 62,5%”, ha detto von Moltke.

NETFLIX: Ha messo a disposizione del suo pubblico 46 video di allenamenti, per un totale di 30 ore di programmazione, e altri arriveranno a breve. L’iniziativa è stata resa possibile da un’alleanza con Nike Training Club, l’APP atletica del gigante dell’abbigliamento da sport che ha messo a disposizione i suoi istruttori più popolari come Kirsty Godso e Betina Gozo. La palestra virtuale Netflix-Nike è aperta in tutto il mondo e le lezioni saranno a disposizione degli abbonati in varie lingue tra cui l’italiano. Per il gigante dello streaming il fitness diventa una delle strade da percorrere per contenere e, possibilmente, recuperare sottoscrizioni.

NOVARTIS: JP Morgan ha alzato il rating sul titolo del colosso farmaceutico a Neutral da Poco interessante

PETROBRAS: Lula da Silva ha tolto la big Oil brasiliana dalla lista delle società  da privatizzare.

ROLLS-ROYCE: Jefferies ha alzato il rating a molto interessante.

OBBLIGAZIONI

II 2023 comincia  bene. Secondo giorno di rialzo per il Bund decennale con il rendimento sceso a 2,39%, e per il BTP decennale a 4,48%. Il Treasury Note decennale oggi riparte da 3,72%.

ENERGIA

Petrolio: Prezzi in calo dello 0,5% dopo il calo del 4% di martedì. Brent (81,6 dollari ), Wti (76,40 dollari).Anche negli Stati Uniti, oltre che in Europa, le temperature risalgono favorendo la riduzione dei consumi. Viceversa la ripartenza della Cina, secondo consumatore mondiale, è sempre più incerta.

Gas: Apre a-7% sotto 70 eu, minimo da 12 mesi, presto potrebbe arrivare il calo delle bollette, potente segnale deflattivo positivo per i BTP.

VALUTE

Euro a 1,057 sul dollaro. Il rafforzamento della moneta Usa  è stato guidato dalla solidità dell’economia. L’indice PMI Manifatturiero di S&P Global di dicembre si è attestato a 46,2, uguale alle previsioni ed al dato precedente. Saliti  in novembre gli investimenti in edilizia  +0,2% mese su mese, il consensus prevedeva una contrazione del -0,4%.

ORO

E’ alla quarta seduta consecutiva di rialzo: 1.850 dollari l’oncia favorito dall’attenuazione delle tensioni sui tassi. Il rimbalzo del dollaro che di solito gioca a sfavore dei metalli preziosi, stavolta non ha inciso più di tanto. Ulteriore segnale del cambio di visione sull’oro  Aperta la strada al ritorno verso i top assoluti oltre i 2mila dollari..Sono tutti segnali che consigliano l’acquisto.

Frase del Giorno:

Si educa attraverso ciò che si dice, di più, attraverso ciò che si fa e ancora di più attraverso ciò che si è.

Condividi articolo