Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ In evidenza/Politica
In evidenzaPolitica Gio 30 giugno 2022

Berlusconi batte i pastori sardi in tribunale sulla nuova lottizzazione Costa Turchese

Ci sono voluti quasi 30 anni ma per la prima volta Silvio Berlusconi è riuscito a battere un pastore sardo sconfiggendolo in tribunale.

La vicenda della lottizzazione di Costa Turchese

Ci sono voluti quasi 30 anni ma per la prima volta Silvio Berlusconi è riuscito a battere un pastore sardo sconfiggendolo in tribunale nell’annosa querelle che da così tanto tempo contrappone il Cavaliere alle pecore che, dopo avere pascolato nei suoi terreni in Sardegna, ne diventano legittime proprietarie grazie a cause di usucapione.

La lottizzazione di Costa Turchese in Sardegna

La lottizzazione in questione è quella di Costa Turchese, località che da qualche anno ha dato anche il nuovo nome a Edilizia Alta Italia, società immobiliare del gruppo Fininvest. Grandi appezzamenti di terreni fra Cugnana, Murta Maria, Capo Ceraso e altre località con vista mare, che avrebbero dovuto nei piani del Cavaliere essere edificati dando i natali a più di un villaggio turistico. Non solo i piani di lottizzazione non sono mai partiti, ma da lustri la società si è vista erodere gran parte dei suoi terreni dai pastori che pascolavano le pecore indisturbati e che hanno poi tentato, con successo, di fare valere il diritto di usucapione nel tribunale di Tempio Pausania.

Uno di loro, Paolo Murgia, aveva fatto vedere al Cavaliere i cosiddetti sorci verdi, portandosi via causa dopo causa tanti di quegli ettari da costringere la società del gruppo Fininvest poi a ricomprarli da lui con una transazione nel 2010 del valore di 891.812 euro. Murgia, che era molto anziano, non si è goduto manco quel gruzzolo essendo scomparso proprio quell’anno, ma divenuta pubblica la sua vicenda ha scatenato l’emulazione dei colleghi. Tanto è che Edilizia Alta Italia prima e Costa Turchese hanno speso un capitale in assistenza legale nei tribunali sardi, che è stata la principale attività.

Continua a leggere sulla copia digitale del giornale 

 
Condividi articolo
Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici che monitorano in forma anonima l'interazione dell'utente con il sito. Questo sito non utilizza cookie per finalità di profilazione e/o marketing. Approfondisci
OK