284 visite 2 minuti 0 commenti

All Star Game milionario nella Premier League inglese, l’idea del patron del Chelsea

In Sport
15 Settembre 2022

L’idea del patron del Chelsea

Prima un mercato record da 315 milioni con il suo Chelsea. Poi l’esonero dell’allenatore,  pochi giorni dopo la chiusura delle trattative. Ora la pazza idea di lanciare un All Star Game. Non negli Stati Uniti, ma in Premier League, il campionato di calcio più prestigioso del mondo. La proposta del nuovo proprietario dei blues, Todd Boehly “è di imitare gli sport americani” e fa già discutere i cugini britannici

La proposta del patron del Chelsea

“Spero che la Premier usi qualcuna delle lezioni che arrivano dagli Usa”, ha detto Boehly. L’imprenditore è anche uno dei proprietari dei Los Angeles Dodgers (squadra di baseball) e ha lanciato la provocazione. “Perché qui in Inghilterra non c’è ancora un All Star Game? – ha dichiarato – Parlano tanto di trovare un sistema per finanziare la piramide del calcio. Beh, con l’All Star Game di Mlb quest’anno abbiamo raccolto 200 milioni di dollari in due giorni, un lunedì e un martedì. Potremmo fare Nord contro Sud nell’All Star Game della Premier League e trovare facilmente i soldi da dare alle leghe minori. Penso che a tutti piaccia l’idea di fare più soldi”.

La reazione di Klopp

L’All star game è una competizione organizzata da leghe americane di diversi sport (Mls, Mlb, Nba, Nhl, Nfl) in cui si fronteggiano due rappresentative formate dai migliori giocatori di un campionato o lega sportiva. E che può includere vari eventi collaterali come ad esempio la gara di tiri o di schiacciate nel basket. Un’idea questa che non è piaciuta a Jurgen Klopp, allenatore del Liverpool. “Mi chiami quando trova la data per fare un All Star Game – ha risposto a distanza il tedesco -. Si dimentica che negli sport americani i giocatori hanno 4 mesi di vacanza, quindi sono felici di poter fare qualcosa di più. Ma nel calcio è completamente differente”. Poi ha aggiunto: “Magari vuole anche far venire gli Harlem Globetrotters e farli giocare contro una squadra di calcio”.