Campari, Aperol è il primo brand con vendite in crescita a due cifre
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Primo piano/Vino & Cibo
Primo pianoVino & Cibo Mar 27 febbraio 2024

Campari, Aperol è il primo brand con vendite in crescita a due cifre

A dispetto del nome, dunque, è Aperol il primo brand di Campari e l'Italia è il primo mercato della bevanda arancione Campari, Aperol è il primo brand con vendite in crescita a due cifre
Maddalena Camera
di 
Maddalena Camera

“Il 2023 è stato un altro anno di crescita significativa. Dal 2019 ci sono tre categorie per cui le vendite sono cresciute a doppia cifra: aperitivi (+16,5%), bourbon (+10,7%) e tequila (+30,3%)”. Lo ha detto l’ad di Campari, Bob Kunze-Concewitz, durante la conference call di presentazione dei risultati del gruppo-Aperol è il nostro primo brand, con le vendite che sono cresciute a doppia cifra nel 2023 (+24%), nonostante il terzo trimestre più debole per le condizioni meteo sfavorevoli in Europa”.

A dispetto del nome, dunque, è Aperol il primo brand di Campari e l’Italia è il primo mercato della bevanda arancione (Campari è rosso)  con vendite in crescita dell’8,2% nel 2023.

Fatturato in crescita dell’8,2%, in aumento anche il dividendo
Campari, leader mondiale nella produzione e commercializzazione di alcolici,  che era stata una delle poche società (senza contare ovviamente i titoli farmaceutici) premiate in Borsa ai tempi della pandemia,  ha chiuso il 2023 con un fatturato  pari a 2, 9 miliardi, +8,2%, e con un  utile netto in calo dello 0,7% a 330,5 milioni.  

 “Abbiamo ottenuto per il terzo anno consecutivo una crescita organica a doppia cifra su tutti gli indicatori di profittabilità- ha aggiunto l’ad Kunze-  sostenuta dagli aumenti di prezzo sull’intero portafoglio, che hanno permesso di compensare l’inflazione sui costi dei materiali e di reinvestire in maniera sostenuta nei brand nonchè nel rafforzamento dell’infrastruttura aziendale  in vista della prossima fase di crescita”.  In aumento il dividendo dell’8,3% a  0,065 euro per azione. In Borsa il titolo è salito del 5%.

Condividi articolo