Banca Generali, raccolta netta a 366 milioni a novembre - V&A
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Primo piano/Imprese
ImpresePrimo piano Lun 11 dicembre 2023

Banca Generali, raccolta netta a 366 milioni di euro a novembre

Il totale della raccolta da inizio anno ha superato i 5 miliardi di euro, in linea con il risultato dello scorso anno. Banca Generali, raccolta netta a 366 milioni di euro a novembre
Redazione Verità&Affari
di 
Redazione Verità&Affari

(Teleborsa) – Banca Generali ha realizzato a novembre 2023 una raccolta netta pari a 366 milioni di euro (vs 501 milioni a novembre 2022), con la società che evidenzia “un netto miglioramento nella sua composizione di prodotto con un ritorno di interesse per le soluzioni gestite e assicurative”. Il totale della raccolta da inizio anno ha superato i 5 miliardi di euro, in linea con il risultato dello scorso anno.

La raccolta netta in prodotti gestiti e assicurativi si è chiusa con l’offerta di casa in crescita di 112 milioni di euro e con l’offerta di terzi negativa per -44 milioni di euro, per un risultato complessivo netto positivo pari a 68 milioni di euro.

Nello specifico le polizze di RAMO I hanno presentato una raccolta netta di 54 milioni di euro nel mese, confermando il costante recupero avviato nel secondo semestre dell’anno. Positivo, inoltre, il dato delle soluzioni gestite trainato dai contenitori finanziari (+44 milioni) e dai fondi di casa (+15 milioni) che hanno più che compensato i disinvestimenti dai fondi di terzi (-44 milioni) in linea con il trend di settore.

A novembre entra liquidità

Nel mese si è registrato inoltre un importante flusso in ingresso di liquidità per un totale di 426 milioni di euro, legato a importanti scadenze di titoli di Stato, ad alcune prese di profitto sul fronte dei titoli in deposito e ad una costante acquisizione di nuovi flussi da clientela nuova ed esistente. Il dato tiene conto di uscite per scadenze fiscali della clientela pari a 260 milioni nel mese (1,09 miliardi da inizio anno, +21% a/a). La dinamica della liquidità porta a confermare le attese per un margine d’interesse nell’ordine dei 300 milioni per l’esercizio 2023.

La nuova raccolta in consulenza evoluta si è attestata a 70 milioni di euro nel mese, per un totale che sfiora 1,4 miliardi da inizio anno (vs. 619 milioni nel corrispondente periodo 2022).

Un altro mese molto solido nei flussi nonostante le pressioni economiche e il quadro dei tassi – ha commentato l’AD Gian Maria Mossa – Siamo felici di vedere che il lavoro fatto per migliorare continuamente le dinamiche dell’offerta abbia prodotto risultati concreti positivi come si evince dalla qualità del mix di prodotto e il ritorno d’attenzione sulle soluzioni gestite legate alla protezione e alla diversificazione. I segnali che ci arrivano dai nostri banker, in termini di crescita della nuova clientela e della domanda di consulenza evoluta confermano la forza del nostro posizionamento nel private e le aspettative di una chiusura d’anno chiusura d’anno positiva in termini di volumi e di qualità della raccolta”.

Condividi articolo