Casinò Italia, come si rialza la febbre del gioco d'azzardo
Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Primo piano/Cronaca
CronacaPrimo piano Mar 30 agosto 2022

Casinò Italia, dopo la pandemia si rialza la febbre del gioco d'azzardo

Nel 2020, gli ultimi dati al momento disponibili, il volume del gioco d'azzardo in Italia era calato del 20%, arrivando a 88,38 miliardi. Casinò Italia, dopo la pandemia si rialza la febbre del gioco d'azzardo

Il gioco d’azzardo in Italia

Nel 2020 il volume del gioco d’azzardo in Italia era calato del 20%, arrivando a 88,38 miliardi di euro. Non sorprenda, però, questa diminuzione, perchè nell’anno della pandemia molte ricevitorie e sale slot erano rimaste chiuse. La voglia di scommesse in Italia, invece, è bella vivida. Un testa a testa tra Gratta e Vinci, Supernalotto e macchinette dove si spendono ogni anno 1.760 euro, con Lombardia, Campania e Lazio che si contendono il podio.

A dominare il mercato sono Gbo/Lottomatica, Sisal e Pokerstars, che attraggono l’11,48 per cento, il 9,12 per cento e l’8,8 per cento degli aspiranti fortunati. Ma gli equilibri sembrano destinati a modificarsi, con l’ingresso di nuovi operatori e la crescita dei casino online. Sono proprio questi ultimi, nelle varie sfaccettature, a dare benzina al gioco d’azzardo. Secondo i dati di Agimeg solo a luglio si è registrato un aumento del 4,9 per cento rispetto al mese di giugno di 2022, con una spesa di 160,4 milioni di euro. 

Una tendenza che era già in atto nel 2020, quando si è assistito pertanto ad un primo sorpasso del gioco digitale. La raccolta online è stata pari a 49,2 miliardi di euro (+35% rispetto al 2019), il 55,7% delle giocate complessive in Italia. Nella classifica del gioco le lotterie, comprese quelle istantanee come Gratta e Vinci valevano oltre 8 miliardi di euro di giocate (20,7% del totale su rete fisica), mentre le varie tipologie di lotto 6,2 miliardi di giocate (15,9% del totale su rete fisica).

Condividi articolo