314 visite 32 secondi 0 commenti

Il magnate si arrende alla Bonas, niente risarcimento per la fine dell’amore

In Cronaca
15 Luglio 2022

La causa contro Sara Croce

Aveva chiesto un risarcimento di un milione di euro, perchè quella relazione era nata “al solo fine di trarne un profitto economico per sé e per la sua famiglia, raggirando le buone intenzioni di un ricchissimo e noto uomo d’affari”. Viaggi e cene eleganti oltre che regali alla madre della ragazza, che ha solo “recitato la parte della fidanzata innamorata”. Voleva tutto indietro, più i danni. Ma alla fine il magnate iraniano Hormoz Vasfi, con diverse società in giro per il mondo, ed un cospicuo patrimonio, ha dovuto desistere dalla causa intentata contro Sara Croce, modella e showgirl di Avanti un altro, nota come la Bonas.

Anzi, non solo non incasserà il risarcimento, ma dovrà pure versare 30mila euro per coprire le spese legali. La vicenda si trascina dall’ottobre 2020 quando il magnate chiamò a rispondere l’ex fidanzata Sara Croce e anche la madre Anna Maria Poillucci chiedendo un risarcimento di un milione di euro. Nell’atto di citazione ha affermato che la modella “non ha mai nutrito un sentimento sincero”. Ora la scelta di Vasfi di metterci una pietra sopra.

/ Articoli pubblicati: 763

.