Menu

QUOTIDIANO INDIPENDENTE - Fondato e diretto da MAURIZIO BELPIETRO

Home/ Da non perdere/TRAGEDIA
Da non perdereTRAGEDIA Ven 26 agosto 2022

Dieci anni dopo Ferrero jr muore in bici anche Balocco jr

Colpito da un fulmine a Sestriere mentre era in bici con un amico Alberto Balocco, re dei dolciumi. Tragedia uguale a quella dei Ferrero ALBERTO BALOCCO BALOCCO

Alberto Balocco, re dei panettoni, è stato ucciso in bici da un fulmine mentre scalava l’Assietta in val Chisone vicino a Sestriere con l’amico Davide Vigo, morto anche lui per lo stesso motivo. Alberto (56 anni) guidava da anni la Balocco fondata dal nonno e per decenni guidata da papà Aldo, da tutti noto perché protagonista dello spot dell’azienda.

Era appena scomparso papà Aldo

ALDO BALOCCO IMPRENDITORE

Alberto aveva perduto l’anziano papà poco più di un mese fa, e stava trascorrendo qualche giorno di vacanza sulle amate montagne a pochi km dall’azienda. Meno incline ad apparire sui media l’industriale dei dolciumi era stato però ospite di Quarta Repubblica nel febbraio scorso dove intervistato da Nicola Porro aveva raccontato ben prima che tutti se ne accorgessero il dramma della inflazione.

La notizia della improvvisa scomparsa dell’erede Balocco ha colpito molto il mondo politico piemontese che lo apprezzava da tempo. Messaggi di cordoglio sono arrivati dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, dal leader della Lega, Matteo Salvini, e da tutte le autorità. Commosso il suo amico Guido Crosetto: “Alberto per molti era l’industriale dei biscotti e dei panettoni. Per me un amico ed una persona che stimavo enormemente. Oggi un fulmine ha interrotto la sua vita. Una tragedia inaccettabile per chi lo amava, per sua moglie, i suoi figli ed i tanti che gli volevano bene”.

Tragedia parallela a quella dei Ferrero

Un destino tragico quello dei Balocco che sembra parallelo a quello di una altra famiglia famosa dell’industria dolciaria piemontese, quella dei Ferrero. Anche lì dopo la scomparsa del padre Michele fondatore dell’azienda nota in tutto il mondo per la Nutella, arrivò all’improvviso la notizia della scomparsa di un figlio.

PIETRO FERRERO SCOMPARSO NEL 2011

Fu nell’aprile 2011 che proprio mentre si allenava sulla sua bicicletta come accaduto ieri a Balocco, scomparve Pietro Ferrero a soli 47 anni a Camps Bay, sobborgo di Città del Capo dove si trovava in quel momento. Fu in quel caso un fulmine diverso, ma letale: quello di un attacco cardiaco che non diede scampo all’industriale piemontese.

Condividi articolo
Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici che monitorano in forma anonima l'interazione dell'utente con il sito. Questo sito non utilizza cookie per finalità di profilazione e/o marketing. Approfondisci
OK